A difesa del territorio

gazzetta 11 marzoBasterebbe davvero poco. Basterebbe contattare aziende specializzate, pagando pochi euro, o addirittura recarsi al Centro di Raccolta di Ecologica Pugliese in via Ognissanti e farlo gratuitamente. Invece no. Esistono nel 2015 gli “sciocchi” che preferiscono deturpare le periferie, anzichè rispettare poche semplici regole, che farebbero delle stesse un luogo da vivere e da “respirare”.
Scaricare rifiuti di qualsiasi tipo nelle campagne è reato!
E invece, la giunta e gli uffici, di tanto in tanto, devono sprecare tempo prezioso e “soldi pubblici” per stare dietro ai “pirati dell’ambiente”. Questo si, è spreco di denaro pubblico. Se ne potrebbe tranquillamente fare a meno. Basterebbe un pizzico di buon senso, oltre che una sana collaborazione, da parte di chi vede e tace!
Intanto il Comune pensa bene di partecipare a un bando regionale per recuperare 50mila euro da investire nella pulizia di ben 8 discariche a cielo aperto.
Il problema resta il dopo. Il giorno dopo la pulizia, toccherà a noi evitare di fare gli sporcaccioni! Coraggio, è facile.

Commenta