Le bugie del consigliere di minoranza. Una continua caccia al like e al consenso!

A Ferragosto, c’è chi va in vacanza, chi va semplicemente al mare, chi va in villa a prendere un pochino di fresco, c’è chi si dedica a rilassanti passeggiate in campagna, chi si dedica alla raccolta dei fichi d’India e chi, invece, si dedica alla disperata raccolta di like e consensi sui social. Cosa difficile se si pubblicano cavolate, bugie e ruffianate, come puntualmente fa il consigliere di minoranza Puggione.
Ma andiamo per ordine. Ha scritto un post strappa lacrime sul profilo facebook personale, che come sua abitudine, ha condiviso su tutte le pagine possibili “Sei di…”, “Quelli di…” ecc. ecc.
Nel post, ha fatto una serie di affermazioni da vero uomo della prima repubblica, sfruttando il malcontento di una signora in tema di raccolta differenziata “porta a porta”. Ogni affermazione del consigliere di minoranza è la casa perfetta per la più falsa delle bugie o al meglio per la più indescrivibile delle ruffianate!
Le riporto di seguito. In rosso l’affermazione del consigliere di minoranza. In nero GRASSETTO il mio modesto parere che sono pronto a discutere con chiunque voglia lumi in materia.

Ancora una volta leggo un post, educato, di una cittadina disperata per la situazione rifiuti sui propri balconi. Ormai sono tanti!! 

Prima bugia. Il post della signora è certamente educato. Questo si. Ma la disperazione non la leggo da nessuna parte. La disperazione è un’altra cosa.

…Anch’io vivo la sua situazione. Ma la mia comprensione e solidarietà, cara signora, non le eliminerà le buste, il cattivo odore e gli altri disagi.

Seconda bugia. Il consigliere non vive la stessa situazione della signora. Ha un comodo giardino a casa e quindi non ha problemi di spazio sul balcone. Come spesso accade cerca di farsi portavoce di problemi che non conosce. Ma fare il ruffiano è uno sport da consensi.

…Quello che lei e tanti altri cittadini, giustamente, lamentate, lo avevo previsto per tempo, dicendolo da Consigliere di opposizione, in Consiglio Comunale.

Terza bugia. Il consigliere non aveva previsto un bel niente. Insieme agli altri consiglieri di minoranza è stato invitato dal Sindaco e dal presidente del consiglio Costantini, a partecipare ai vari incontri che hanno preceduto l’avvio del servizio. Si è presentato solo una volta. Così come gli altri. Dopodichè spariti! I suoi consigli sarebbero stati oro colato per l’amministrazione visto che dice di essere bravo ad anticipare i problemi. Invece niente. I segreti del successo se li tiene stretti in questo e in altri settori. Questo è voler bene al paese. Una sorta di egoismo di Stato.

…Ma Sindaco, Assessori e Maggioranza han saputo contrattare con la ERCAV, questo tipo di servizio, offrendolo ai cittadini con la “illusione” di una TARI che non sarebbe aumentata!

Quarta bugia. Sindaco, assessori e consiglieri non hanno contrattato un bel niente. Il servizio Porta a Porta che oggi ci ritroviamo è frutto di una “offerta migliorativa” miracolosa per il nostro paese. Il consigliere di minoranza dovrebbe tornare indietro nel tempo e ricordarsi cos’era il paese prima del 3 aprile. Il tutto senza aumenti, altro che illusioni.

…Un servizio porta a porta, senza i disagi lamentati, costa di più e, a mio avviso, bisognava dirlo chiaramente ai cittadini (come spendi mangi).

Quinta bugia. I cittadini che hanno partecipato agli incontri informativi (ce ne sono stati tanti) sanno benissimo come sono andate le cose. Quindi, ennesima chiacchiera!

…Non sono completamente favorevole al porta a porta, soprattutto al nostro!

Sesta chiacchiera e aggiungerei mega-ruffianata! Il consigliere di minoranza dovrebbe sapere che il Porta a Porta, piaccia o no, in Puglia è obbligatorio!!! Le bugie fanno crescere il naso. 

…Certo, per chi amministra, così è più rapido e semplice raggiungere percentuali di raccolta differenziata … “sfondata” … dell’80,30%, e stare a posto con la legge, ma con un sistema, quasi punitivo, che costringe i cittadini a tenere in casa i rifiuti, togliendoli dalle strade!!

Ancora una ruffianata! Ripeto, ricordiamoci cos’era il paese prima del 3 aprile e cos’era la scorsa estate. 

…C’è poco da esaltarsi con titoli di giornali quando questi normali e scontati risultati si raggiungono guardando solo alle percentuali e non curando adeguatamente le esigenze dei cittadini!!

Ancora una bugia. Non le conto più. L’amministrazione, la Polizia Locale e la stessa Ercav in questi mesi hanno sempre cercato di dare risposte ai cittadini, risolvendo decine di problemi. Qualcosa sfugge, qualche pattumella viene saltata, ma basta contattare chi di dovere e gli inconvenienti vengono risolti. Chiacchiere!

…La raccolta differenziata può essere realizzata anche senza il porta a porta!! In Italia ci sono diverse esperienze di raccolta differenziata fatta con appositi cassonetti collettivi stradali.

 Ruffianata!!!! Il consigliere di minoranza sa bene che in Puglia l’unico sistema di raccolta autorizzato è il porta a porta. A me piacerebbe fare sparire i rifiuti con una bacchetta magica. Ma non è possibile farlo. A dire chiacchiere siamo tutti bravi. Ma in questo il re dei numeri è il numero 1.

…Non si può negare, però, che la nostra esperienza dei cassonetti stradali sia stata un fallimento. Responsabilità di noi cittadini certo, ma chi in tutti questi anni ha guidato l’amministrazione non ha mai, ribadisco mai, avviato concrete campagne di informazione sulla “cultura” della raccolta differenziata, neanche durante i diversi “eventi di intrattenimento” fatti nel nostro comune, unita a serie azioni di controllo.

Ancora una bugia. Il consigliere vive poco Capurso. Se non sui social e nella sola Sala Consigliare. Dovrebbe farsi un giro nelle scuole. E nella sua ricerca di like e consensi, continua a descrivere gli eventi culturali come  “eventi di intrattenimento”, ma cosa è la cultura secondo lui, non ce l’ha ancora spiegato. La formula magica ce l’ha chiusa nella cassa forte. Egoista e presuntuoso!”

…Ed ha pensato di recuperare il tempo perso parlando di differenziata solo per l’introduzione, complicata, delle pattumelle, senza guardare ai diversi aspetti di vita, limitandosi a consigliare di mettere la pattumella sotto il lavello quando, là sotto, non ci entra neanche con una magia!!

Falsità. Solo falsità e chiacchiere. Ma con le falsità, caro consigliere di minoranza non si va da nessuna parte. E pure i like resteranno pochini, nonostante l’affanno nel condividere ovunque “gli scritti”!

Per chiudere. Il servizio di raccolta Porta a Porta è sicuramente da migliorare. Molto ormai grava sulla pazienza e sulla buona volontà dei cittadini. Ma grossa parte di essi, lo fa con piacere e vive con orgoglio l’esposizione mediatica, i titoli dei giornali, i numeri (80%) impensabili un anno fa. Forse è proprio questo che divora il fegato di taluni esponenti della minoranza politica capursese.  Noi, a differenza di quanto alcuni leoni di tastiera stanno scrivendo sui social in questi giorni, stiamo lavorando per un progetto migliorativo. Questo porterà sicuramente a degli inevitabili aumenti delle tariffe, ma ci aiuterà a migliorare le condizioni di vita di chi, per un motivo e per l’altro, non riesce ad avere un buon rapporto con il sistema di raccolta dei rifiuti “porta a porta”. Continueremo a lavorare per il benessere dei cittadini di Capurso. Non ci stancheremo mai!

Commenta