I suoni della Festa: notte bianca dei canti devozionali mariani e delle marce


Il Comune di Capurso, in collaborazione con il Comitato Feste Patronali e con le associazioni Promolab716 e Amici della Musica, oltre che con il prezioso supporto di giovani (e non solo) capursesi amanti delle tradizioni e della festa, presenta la prima edizione della notte bianca delle marce e dei canti devozionali e popolari mariani: “I suoni della Festa”. L’appuntamento è sul sagrato della Basilica della Madonna del Pozzo, nei pressi dello stand della Capurso Web Tv, allo scoccare della mezzanotte del sabato e si andrà avanti fino alle 4 in punto, quando saranno spalancate le porte della Basilica.
L’obiettivo principale dell’iniziativa, è il recupero del patrimonio canoro tradizionale e delle marce. Ma non solo. Punteremo all’incremento dei visitatori, creando una forma di intrattenimento da mezzanotte alle prime luci dell’alba, per intercettare pellegrini e turisti che durante queste ore trovano la città ancora silente; e per finire, si punta alla promozione dello studio del canto devozionale, con l’obiettivo ultimo di ricostruire la storia e l’identità delle diverse comunità che a partire da questa prima edizione ospiteremo.
Sabato notte, toccherà alla banda di Capurso degli “Amici della Musica”, guidata dal capo banda e maestro Michele Gilli, fare gli onori di casa. Presenteranno la serata Mariangela Giordano e Antonio Filipponio. Mi onoro di curarne la regia con don Michele Bellino, che, a questo e agli altri progetti che stiamo mettendo in cantiere, sta dando un importante e prezioso contributo. Nel corso della notte, saranno proiettati i cortometraggi realizzati in questi ultimi anni da Cinefabrica, nell’edizione 2010 e da Foto Video Service, con la regia di Antony Pepe, nel 2013 e nel 2016.
Tra gli ospiti, diversi esperti locali di cultura e di tradizioni.
Vogliamo vivere una festa patronale culturalmente intensa, nella fede e nelle tradizioni. La carne arrosto, lo shopping e il luna park, devono tornare ad essere una bella cornice.  Stiamo lavorando molto, ma sono certo che raccoglieremo ottimi frutti!

Commenta