Stella, Nico, Gioacchino, Dina, Rosanna, Gino e Rocco.

Della politica, in questi 7 anni e 6 mesi, ho imparato tante cose, ma una in particolare: la poltrona non è per sempre. Il ruolo di assessore, tanto quanto quello di sindaco, è transitorio. A tempo. Non si può essere assessore per sempre ed è giusto così. Il popolo merita freschezza di idee ed energie, spesso anche fisiche, per il bene del paese e della comunità. Ma nonostante questo, quello che resta dopo questa intensa e impegnativa esperienza, è un bene prezioso: una profonda e sincera amicizia, frutto di un percorso, spesso anche difficoltoso, fatto di tante sensazioni, di delusioni e di tante, tante soddisfazioni, soprattutto quando si lavora bene e quando ci si rende conto che si è messa a disposizione della causa, tutta la passione possibile. Perchè la politica, certa politica, non può che essere passione vera!
Stella, Nico, Gioacchino, Dina, Rosanna, Gino e Rocco, in quella parte di percorso che ho avuto l’onore di condividere con loro, quella passione, ce l’hanno messa tutta. Grazie a loro la nostra amministrazione ha raggiunto risultati mai visti prima in questo paese. I fatti e i numeri parlano chiaro.
Grazie ragazzi per quello che avete fatto. Io, l’amministrazione e i capursesi non dimenticheremo! In particolare grazie a Rosanna, Gino e Rocco che hanno appena concluso la loro esperienza assessorile a favore di Nicola, Mino e Silvana, che, sono certo, con abnegazione, rispetto ed entusiasmo, faranno altrettanto bene. Andiamo avanti più uniti che mai, con nuovi ruoli e nuovi grandi traguardi da raggiungere. Per Capurso! Solo e soltanto per Capurso.

Commenta