Sporcaccioni. La caccia continua. Ma si lavora anche sulla sensibilizzazione.

La partenza nella scorsa primavera del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani con il sistema “porta a porta”, è motivo di grandi soddisfazioni per l’amministrazione, con le percentuali di differenziata che hanno toccato anche l’80%.  Numeri da record. Ma il porta a porta, come succede in tanti paesi che hanno adottato lo stesso sistema di raccolta, ha portato anche all’aumentato del fenomeno dell’abbandono indiscriminato dei rifiuti, in particolare nelle strade extra urbane.
Mercoledì mattina, in Comune, abbiamo organizzato una conferenza stampa di presentazione dei risultati ottenuti contro l’abbandono indiscriminato dei rifiuti e in particolare dei video delle trasgressioni registrate attraverso le cosiddette “video-foto trappole.
Il messaggio è chiaro. Chi sbaglia paga!. Continueremo, senza soluzione di continuità, a controllare il territorio al fine di individuare i responsabili degli abbandoni. Sono 80 le sanzioni emesse in questi mesi e alcune di queste anche di natura penale, con importi che possono arrivare fino a 1.200 euro. L’ha spiegato il comandante Petroni, mentre per il sindaco, si deve andare avanti con la tolleranza zero! Chi abbandona rifiuti per strada e in campagna è uno <sporcaccione> e un <disonesto intellettuale>, e questo è chiaro, ma c’è da aggiungere che è stupido al quadrato: paga un servizio senza utilizzarlo e soprattutto, arreca un enorme danno all’ambiente e a se stesso.
Sono ben 10 i video in oggetto. “Scene del crimine”,  alcune strade rurali e di periferia: da via san Pietro, a via Valenzano, dalla complanare per Casamassima a via Votano, passando per la ex ss100. Il comandante Petroni, ha spiegato che la percentuale di ricorsi è bassissima, segnale, questo, che illavoro viene svolto con grande professionalità, e gran parte dei trasgressori, per grossa parte cittadini residenti in paesi confinanti con Capurso, dopo un incontro con la polizia locale, esibisce la ricevuta del pagamento, chiede scusa e riconosce la povertà morale del gesto. Ma l’attività dell’amministrazione nei prossimi mesi non si concentrerà solo sui controlli, si punta anche e soprattutto sulla sensibilizzazione. Inoltre, l’amministrazione è al lavoro per la realizzazione di un Centro Comunale di Raccolta che sarà realizzato nei pressi dell’impianto polisportivo comunale di via Cellamare e al cui progetto stanno lavorando i nostri uffici tecnici.

Commenta