La Festa Grande? Non è finita. Nel week-end il gran finale.


Manca l’Ottava, con la fiera e lo spettacolo di chiusura, manca il Corteo Storico, manca il Premio Capursese dell’anno, e soprattutto manca Sindaci ai Fornelli. Sono gli appuntamenti che chiudono La Festa Grande 2019, che in questa edizione vanta numeri da record, qualità, innovatività e apprezzamenti, probabilmente mai visti prima d’ora. Le luminarie, bellissime (!), lo spettacolo di Elisa Barrucchieri con il grande successo di pubblico e applausi, le fontane danzanti, e le tradizionali bande, processioni, fuochi, luna park e bancarelle. Una festa tra le migliori in Puglia diceva gente venuta da lontano per apprezzare la nostra Madonna del Pozzo.

Il primo appuntamento da segnare in agenda, è con il Corteo Storico Rievocativo del rinvenimento della venerata immagine della Madonna del Pozzo, nel 314° anniversario dal ritrovamento. Appuntamento Venerdì 30 agosto con partenza alle 20,30 dalla Chiesa del Pozzo in Largo Piscino e arrivo alle ore 21.30 circa presso la Basilica di S. Maria del Pozzo.

Secondo appuntamento, Sabato 31 agosto, alle ore 21, in Piazza Libertà con il Premio Capursese dell’anno che, per questa edizione prevede oltre al premio principale, ben 12 riconoscimenti, e il Festival Performing Arts, giunto alla 3^ edizione, sotto la direzione artistica di Giusy Colamartino.

Terzo appuntamento, Domenica 1 settembre, a partire dalle prime luci dell’alba e per tutta la giornata, appuntamento con la tradizionale Fiera dell’Ottava, con banchi vendita di merci varie in via Madonna del Pozzo, via Noicattaro e via Aldo Moro. Sempre domenica, in serata, lo spettacolo di chiusura della Festa Grande 2019, con il concerto dei PoohLover, la tribute band riconosciuta ufficialmente dai Pooh e premiata dagli stessi per “la perfezione assoluta dell’impasto vocale”. Oltre 2 ore di “Musica & Cuori” e tanta voglia di emozionare ed emozionarsi ancora in compagnia della cover band barese e lo spettacolo “La Storia dei Pooh“.

Si chiude Lunedì 2 settembre, con la settima edizione di Sindaci ai Fornelli!,la divertente kermesse che per una sera unisce il mondo della gastronomia alla politica. Quest’anno l’evento si terrà sul sagrato del Santuario della Madonna del Pozzo. Alla conduzione ci sarà uno dei volti più noti e amati della televisione pugliese, Mauro Pulpito, affiancato dalla dj di Radionorba Claudia Cesaroni, e con la partecipazione di colui che finora ha vestito i panni del mattatore di “Sindaci, ai fornelli!”, il grande attore e showman Antonio Stornaiolo.
Sei squadre composte da due sindaci e due chef, per un totale di 12 sindaci e 12 chef si affronteranno in gara. Tra i Sindaci spicca il nome del super ospite di questa edizione: il Sindaco di Parma Federico Pizzarotti. Presenti anche in questa edizione, oltre al nostro Francesco Crudele, il Sindaco di Bari Antonio Decaro e il Governatore della Puglia Michele Emiliano.

Finisce La Festa Grande, ma gli appuntamenti con il cartellone Estate della Cultura continuano fino alla fine di settembre. Una lunga, bella ed entusiasmante estate a Capurso!

Questo slideshow richiede JavaScript.

3 giorni alla festa e mille cose da fare tra conferme e novità.

L’organizzatore è il Comitato Feste, è vero. Ma organizzare le feste patronali è ormai roba da professionisti del settore e nessuno può ritenersi esente da responsabilità. Per una festa importante come quella della Madonna del Pozzo poi, l’organizzazione è da grande evento. Tipo il concerto di una rock star. Tra l’altro i numeri delle presenze sono quelli. Le difficoltà sono davvero tante, e le responsabilità sono spalmate a vario livello, politico, amministrativo e operativo. Un grande gioco di squadra, che nel nostro caso vede coinvolti oltre al Comune con diversi uffici (in particolare ufficio suap-commercio e Polizia Locale) e al Comitato Feste, il Santuario delle Madonna del Pozzo, la Stazione dei Carabinieri di Capurso e il Comando di Triggiano, le associazioni di volontariato, di soccorso e di Protezione Civile, le ditte e le cooperative addette allo spostamento di transenne e new jersey, il personale dell’azienda addetta alla raccolta di rifiuti, gli addetti agli spettacoli artistici e pirotecnici, con tutto l’ambaradan che gli gira attorno, le tipografie, i facchini e tanto altro ancora.

Alle immancabili iniziative della “tradizione” per gran parte organizzate dal Comitato Feste Patronali, le processioni del venerdì,quelle della domenica con la chiusura Trionfale del Carro e quella del lunedì, le luminarie, quest’anno davvero sfarzose, le bande, i fuochi, le bancarelle e il Luna Park, si aggiungono una serie di conferme e novità. Il Luna Park si sposta all’interno dei parcheggi del Pala Livatino e dello Stadio Comunale, con ingresso da via Difesa. E’ la novità più importante di questa edizione della festa. I lavori di riqualificazione del campo della 167, vecchia sede del Luna Park, ci hanno spinti a decidere per questa nuova location. Importante il servizio d’ordine che nei 3 giorni di apertura del Luna Park, garantirà che non ci siano danni agli impianti, in particolare al Pala Livatino. Ben 20, saranno infatti, gli addetti al controllo. Confermati gli spettacoli del progetto Un Pozzo di Storia e Arte, con la direzione artistica di Elisa Barrucchieri. I laboratori con giovani danzatori e danzatrici capursesi, sono la novità proposta dalla direttrice artistica, tra gli altri, del Corteo di San Nicola. Lo spettacolo si terrà sabato 24, in Piazza Libertà e sarà uno spettacolo che non conviene assolutamente perdersi. Così come imperdibile è il momento della Consegna delle Corone della Festa alla Madonna, che si terrà all’interno della Basilica poco dopo le 22.30 di sabato. Confermata la direzione a cura di ResExtensa e di Elisa Barrucchieri del Corteo Artistico che accompagnerà la processione del Carro Trionfale, con la partecipazione degli Sbandieratori Civitas Mariae di Capurso e le ballerine, in gran parte provenienti dalle scuole di danza capursesi. Lo spettacolo del sabato sera e la partenza della processione del carro, saranno trasmesse in diretta su Antenna Sud. Questa è una novità! Così come, e questa è una bella conferma, la processione della domenica mattina, il rientro della Sacra Effige e l’uscita del Carro Trionfale, saranno trasmesse da Capurso Web Tv.
E’ la mia decima Festa Grande e con orgoglio posso affermare che, in un momento storico di crisi per le patronali, una certa crescita della nostra Festa è sotto gli occhi di tutti, soprattutto sotto il punto di vista culturale, qualitativo e organizzativo. Far parte di questa grande organizzazione è molto bello e gratificante. Sarà una gran bella Festa Grande.

Questo slideshow richiede JavaScript.

No Safety, No Party! C’è un’Italia che lavora anche a Ferragosto. E questo mi rende orgoglioso.

Una volta per fare festa bastavano un Martini ghiacciato e un arrembante slogan promozionale. I tempi sono cambiati e il rispetto delle regole per la prevenzione e la sicurezza dei grandi eventi sono cosa necessaria e dovuta. Stamattina con don Tonio, il comandante Costanza, l’architetto Lorusso e il dottor Prigigallo, siamo stati in Prefettura per il Comitato dell’Ordine e la Sicurezza Pubblica, per discutere il piano di Safety & Security della festa della Madonna del Pozzo. Il 14 agosto, vigilia di Ferragosto, ci siamo ritrovati al tavolo con il Prefetto, il Questore di Bari, alti ufficiali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco e Asl. Niente male per essere il 14 agosto. Una riflessione sorge spontanea. L’Italia non è la terra di chi si limita a scrivere post a effetto sui social per accaparrarsi like, di chi organizza i Beach Party su e giù per lo stivale (e non mi riferisco a quelli straordinari di Jovanotti) per accaparrarsi consenso (ma consenso di chi? poi!). L’Italia non è la terra dei furbetti del cartellino, degli assenteisti, dei mafiosi. Ci sono anche loro. Ma sono certo si tratti di una minoranza. Sono tornato in Comune e ho provato orgoglio per essere parte di una struttura che anche alla vigilia di ferragosto, era li, aperta, con i suoi dipendenti pronti a “servire” i cittadini, mentre gran parte degli italiani è al mare a godersi le meritate vacanze. E ne hanno macinato di lavoro oggi in Comune! Ognuno per il suo: uffici tecnici, polizia locale, anagrafe, stato civile, servizi sociali, segreteria, ufficio tributi, ragioneria, commercio, economato e cultura. E allora ogni tanto bisogna fermarsi un attimino e ringraziare i lavoratori, a qualsiasi livello essi siano, per quello che ogni giorno dell’anno fanno per la nostra comunità. Spesso in silenzio e assumendosi il peso delle responsabilità, senza sbandierarlo sulla prima spiaggia capitata, con tanto di inno nazionale, cubiste e rosario da sventolare al vento. Viva l’Italia, bella e rispettosa delle istituzioni e dei suoi cittadini.

Capurso: interventi straordinari per la segnaletica stradale orizzontale e verticale.

Con la manovra di assestamento di bilancio di fine luglio, oltre ad aver finanziato l’acquisto di panchine (molto gradite dai frequentatori di Piscino e Villa), abbiamo intensificato la sicurezza delle strade di Capurso, con la posa in opera di segnaletica stradale verticale ed orizzontale.  Abbiamo realizzato segnaletica verticale e orizzontale permanente anche con occhi di gatto a luce led caricabili con l’energia solare, in particolare per passaggi pedonali, fino a qualche giorno fa poco visibili. Abbiamo ripassato gran parte delle strisce pedonali sul territorio. Abbiamo montato due nuovi dossi in via Montesano e in via Noicattaro, nei pressi della Basilica della Madonna del Pozzo. Subito dopo le ferie, saranno installati misuratori di velocità elettronici in via Casamassima, che, in particolari ore della sera, viene scambiata per una veloce pista per GP. Sempre dopo le ferie, sarà completata la segnaletica orizzontale e verticale di via Cellamare con il nuovo limite di velocità a 50 Km l’ora e saranno realizzati circa 10 segnali orizzontali di STOP resi poco visibili dallo scorrere del tempo. In questi giorni stiamo inoltre provvedendo a realizzare nuovi stalli per diversamente abili sia pubblici che personali e a ricalcare alcuni vecchi stalli non più evidenti. La sicurezza del paese passa anche da questi piccoli ma necessari particolari.

41! Ma diventeranno 50. Ecco l’elenco delle strade che saranno asfaltate da qui a un anno a Capurso.


2.100.000
euro di investimento su strade, marciapiedi e pubblica illuminazione. A questi si aggiungono 200.000 euro di lavori già realizzati in via Cellamare, 100.000 euro di lavori di fogna bianca e asfalto in Piazza Umberto e via Torricella in fase di realizzazione e ci aggiungo 1.500.000 di euro per un ulteriore appalto che prevede la realizzazione di nuovi tronchi di fogna bianca, con un finanziamento della Regione di 1.200.000 euro e un cofinanziamento comunale di 300 mila euro su cui l’ufficio tecnico sta elaborando il progetto esecutivo. Un totale di 3.900.000 euro per rendere più sicura e fluida la viabilità nelle nostre strade, per abbattere l’annosa problematica degli allagamenti e per illuminare tratti stradali fino ad ora carenti di pubblica illuminazione. Numeri mai visti prima d’ora a Capurso. Se non ci fossero gli atti a dimostrarlo, qualcuno avrebbe parlato di fantasie pre-elettorali. Ma è tutto vero. Il progetto da 2 milioni e 100 mila euro è in gara. In autunno, se tutto andrà per il meglio, saranno avviati i cantieri.

Elenco strade da asfaltare in ordine di priorità:

1. Viale A. Moro (tratto Via Noicattaro/Cellamare); 2. Via F. Epifania (escluso tratto tra via Triggiano e via F.lli Cervi); 3. Via Noicattaro (tratto viale Aldo Moro-rotatoria); 4. Via Casamassima z.i. ; 5. Via C. Colombo (tratto tra C.da Marrone a Via Montesano); 6. Via Bari (da Via Santa Barbara a Stazione dei Carabinieri); 7. Via Magliano (tra via Ognissanti e Via Don Milani); 8. Via G. Amendola e Piazza Libertà; 9. Via Madonna delle Grazie; 10. Via Cellamare;
11. Via San Rismo; 12. Via Don Minzoni; 13. Via San Carlo; 14. Via Ortolabruna;
15. Via Treves; 16. Via Spadolini; 17. Via Dalla Chiesa; 18. Via F.lli Cervi; 19. Via Pacifico; 20. Via Garibaldi; 21. Via Di Vagno; 22. Via Montesano (tratto tra Via Manzoni e Via Colombo); 23. Via Montesano (tratto tra Via Venisti e Via A. Moro); 24. Via Paolo VI; 25. Via Meucci; 26. Via San Pietro (tratto Via Bari – Via Epifania); 27. Via Einaudi; 28. Via Grottemorgola; 29. Via Triggiano; 30. Via Cardinal Mattei; 31. via Machiavelli; 32. Via Trento; 33. Via Trieste; 34. Via Sturzo; 35. Via Fermi; 36. Via Di Vittorio; 37. Via Sant’Onofrio; 38. Via Votano
39. Via MIzzi; 40. Via Torricella; 41. Via Tansella; 42. Via Pio XII; 43. Via Ognissanti (tratto da Comune a Via Magliano); 44. Via Vittorio Veneto;
45. Via Cavour; 46. Via La Pira; 47. Via Petrarca; 48. Via Giovanni XXIII;
49. Via D. Modugno; 50. Via E. De Filippo.

Elenco interventi marciapiedi:

Tipologia A (demolizione e nuova realizzazione marciapiede)
1. Via Epifania – incrocio Ufficio Postale; 2. Via Epifania – Isolato compreso tra Via Triggiano e Via Lattanzio; 3. Via Ortolabruna; 4. Via Tansella, ang. Via Epifania; 5. Via Manzoni angolo Via Morante.

Tipologia B (nuova realizzazione marciapiede)
1. Via Trattati di Roma – S.Pietro; 2. Tratto S.C. Via Vrisceglie – Zona Industriale.

Tipologia C (ampliamento marciapiede esistente)
1. Via Boris Giuliano– ampliamento lato destro; 2. Via Amendola.

Tipologia D (restringimento marciapiede esistente)
1. Via Epifania – da Via Pacifico a Via Lattanzio

Interventi sulle aiule:
1. Via Casamassima; 2. Via U. Foscolo.

Pubblica illuminazione:
1. Via Triggiano; 2. Via Montesano; 3. Via Votano; 4. Via San Pietro.